4 novembre 2018

Lembi di montagne


Proseguendo sulla via tracciata dai “Taccuini giapponesi”. Rughe, tagli, contrasti che affiorano dal monte, avvicinato, ingrandito, scomposto nelle sue articolazioni. Fossili e frammenti come tessere di un mosaico che virano nell’astratto e, allo stesso tempo, pezzo per pezzo rivelano caratteri del paesaggio, perfino della sua personalità, sfuggenti a uno sguardo d’insieme, viziato dalla fretta e dalla distanza, non solo fisica ma anche intesa nella sua essenza psicologica di instabilità che decentra e allontana.

Dai miei diari (30 ottobre 2018): In una tregua del maltempo. Per un attimo il sole ha bucato la coltre di nubi che nascondeva il profilo delle cime. Il vento ha dissolto la foschia e così ho visto. Davanti a me si è aperto il crinale di sud-est. Scarnita, saccheggiata dall’incendio, in quell’istante ho sentito dentro di me il dolore e la desolazione della montagna. Quella schiena brulla e offesa tremava.



Le Alpi Apuane dall'argine di San Sisto (maggio 2018). 
Uno schizzo dove il segno intende evocare, darsi a un minimalismo che lucidamente vuol narrare per vuoti, omissioni, rinuncia al dettaglio. Una via delle possibilità del reale che, eludendo, include dimensioni che non si sono percorse.



Le Alpi Apuane dall'argine di San Sisto II (maggio 2018)



Lembi di montagne II (2018) - Da uno studio sulle Alpi in Valle Stura



Lembi di montagne III (2018) - Da uno studio sulle Alpi in Valle Stura



Le Apuane da Viareggio - Un dettaglio (20 giugno 2017)



Lembi di Capraia - Arrivo sull'isola di sera e Corsica sullo sfondo (25 agosto 2017)



Lembi di Capraia II (25 agosto 2017)



Astratto con luce I (31 ottobre 2018)



Astratto con luce III (31 ottobre 2018)



Vista di Caprona e Monti Pisani sullo sfondo (16 aprile 2016) - Modello per la serie degli "Astratti"


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...